Domani al Cineteatro Palladino l'anteprima di ''Ci alzeremo all'alba'', il film diretto da Jean-Marie Benjamin

Interamente girato tra San Giovanni Rotondo, San Marco in Lamis e Pietrelcina
12 Dicembre 2018
Ci alzeremo all’alba
Ci alzeremo all’alba

Interamente girato tra San Giovanni Rotondo, San Marco in Lamis e Pietrelcina, ripercorre la storia di due giovani amici, Luca e Sebastiano, che vogliono scrivere un libro su Padre Pio.

 

Dopo l’anteprima a Roma di venerdì 7 novembre, il lungometraggio ”Ci alzeremo all’alba”, film scritto e diretto da Jean-Marie Benjamin, verrà proiettato giovedì 13 dicembre, alle 20:45, al Cineteatro Palladino di San Giovanni Rotondo, con ingresso ad invito.

La storia ruota attorno a due ragazzi, Luca di 12 anni e Sebastiano di 13, che decidono di fare un’inchiesta su Padre Pio ripercorrendo le testimonianze e le storie di chi lo ha conosciuto. E così, con le loro biciclette, Luca e Sebastiano attraversano le strade soleggiate del Gargano a caccia di testimoni autentici per scrivere un libro sul Frate di Pietrelcina. La loro ricerca, che rappresenta anche l’incontro delle nuove generazioni con la fede e con il carisma del Frate cappuccino, si intreccia alle vicende familiari dei due ragazzi uniti da un forte sentimento di amicizia. La famiglia di Luca e della sorellina minore Miranda è solida ed unita, e si contrappone alle difficoltà di quella di Sebastiano, con una mamma malata e un padre alcolizzato.

Oltre ai due protagonisti Luca e Sebastiano, interpretati da Andrea Solombrino e Mariano Barnabà, al film hanno prestato la loro opera attori di grande esperienza come Antonella Ponziani, Paco Reconti, Massimiliano Pazzaglia, Lucia Stara, Gianni Pellegrino e Gigi Miseferi.

Nel film, interpretando loro stessi, compaiono anche: Padre Mario Villani (fondatore della Biblioteca del Convento di San Matteo), fra Carlo Maria Laborde (padre guardiano del Convento di Santa Maria delle Grazie), Arcangela Perrotti (una delle prime infermiere di Casa Sollievo della Sofferenza), Stefano Campanella (direttore di Padre Pio Tv) e Giulio Siena (direttore dell’Ufficio Comunicazione e Relazioni Esterne di Casa Sollievo della Sofferenza).

 

Il film, prodotto da Aladino Production e con la produzione esecutiva affidata a Mediterranea Production, è stato girato interamente tra San Giovanni Rotondo, San Marco in Lamis e Pietrelcina.

La pellicola, della durata di 96 minuti, è patrocinata dalla Fondazione Casa Sollievo della Sofferenza, Opera di San Pio da Pietrelcina di San Giovanni Rotondo.

Il regista e autore, Jean-Marie Benjamin è un compositore, scrittore, regista e sacerdote francese residente in Italia dal 1974. Fu lui a produrre e realizzare la prima fiction dedicata al Frate stigmatizzato intitolata “Padre Pio, la notte del profeta”, con protagonista Sergio Fiorentini, trasmessa per la prima volta dalla Rai nel 1998.

Con diversi editori ha pubblicato anche 10 libri in Italia, Francia, Svizzera e Irlanda e, dal 1997 al 2003, ha realizzato numerosi documentari per denunciare gli effetti dell’embargo sulla popolazione irachena. Uno di questi, “Tareq Aziz the other truth”, ha vinto nel 2011 il premio speciale della giuria al “Silent River Film Festival” di Irvine-Los Angeles.

Ha alle spalle una lunga carriera come musicista, suona la chitarra, il pianoforte e la tastiera elettronica. È un compositore e direttore d’orchestra, con all’attivo la registrazione di 28 dischi tra musica classica, musica leggera e colonne sonore.