1 Giugno oltre tremila persone alla fiaccolata

Il sindaco Pompilio: 'Atto di amore per Padre Pio'
7 Giugno 2013

Oltre tremila persone hanno partecipato alla fiaccolata di sabato sera organizzata dall’amministrazione comunale per festeggiare la nuova ostensione stavolta per sempre del corpo di san Pio visibile al mondo dalle ore 13,12. Messa in dubbio per la forte pioggia che ha preso a cadere al termine della santa messa del mattino di sabato, la manifestazione - presente gran parte dei sindaci del Gargano invitati dal sindaco Luigi Pompilio – si è svolta comunque, dando così il degno corollario alla parte finale di una giornata – 1 giugno 2013- ormai entrata nella storia. E non solo di quella cittadina. Una fiaccolata che ha voluto essere il segno tangibile di giubilo della città verso la ostensione -stavolta per sempre- del corpo di san Pio, “dono della Provvidenza per la nostra città” ha sottolineato il sindaco Pompilio.

Una iniziativa, nelle intenzioni di Palazzo San Francesco, sede municipale, rivolta a quanti desideravano condividere – e lo hanno fatto- “il sentimento vivo di gioia della città ansiosa di poter venerare ancora una volta il corpo dell’umile frate cappuccino”. E nonostante le avverse condizioni meteo, la risposta popolare è stata degna di nota. Circa tremila persone hanno affollato le vie cittadine: Partenza da piazza Padre Pio, punto di ritrovo con appuntamento fissato per le ore 19,45. Il torpedone umano, fiaccole in mano, capitanato dal sindaco di casa e dai suoi “colleghi” del Gargano, dopo aver attraversato le vie cittadine, si è poi portato sul sagrato del convento di Santa Maria delle Grazie, dove è giunto intorno alle ore 21.