Il cuore di San Pio deve rimanere a San Giovanni Rotondo

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa del Comune di San Giovanni Rotondo
31 Maggio 2013
Comune di San Giovanni Rotodno
Comune di San Giovanni Rotodno

Netta presa di posizione dell’intero consesso cittadino sul paventato trasferimento del “cuore di san Pio a Pietrelcina”. Ieri all’unanimità il consiglio comunale di San Giovanni Rotondo, ascoltato anche i numerosi e preoccupati interventi delle associazioni locali, ha espresso un “no” forte e chiaro sull’argomento.

In nome e per conto del popolo di San Giovanni Rotondo” si legge nel corpo del deliberato approvato all’unanimità “l’assise comunale esprime viva preoccupazione in merito all’intenzione espressa dal Ministro Provinciale dei Frati Minori Cappuccini, Frate Francesco Colacelli, di trasferire definitivamente il cuore di Padre Pio nella Città di Pietrelcina. Eventualità che potrebbe” sottolinea ancora l’amministrazione comunale “ingenerare tensioni con i pietrelcinesi”.

Quindi massima e motivata contrarietà al trasferimento del cuore e di qualsiasi altra parte del corpo, presso altre sedi. L’assemblea cittadina ha inoltre espresso l’auspicio che il rapporto tra i due Enti prosegua con il consueto senso di rispetto e nello spirito voluto da San Pio da Pietrelcina. Il sindaco Luigi Pompilio ed i consiglieri comunali hanno inoltre invitato l’Arcivescovo della diocesi di Manfredonia - Vieste - San Giovanni Rotondo Michele Castoro ed i Frati Minori Cappuccini della Provincia religiosa “Sant’Angelo e Padre Pio”, a tener conto della volontà popolare che chiede di preservare e custodire il cuore ed il corpo di San Pio da Pietrelcina a San Giovanni Rotondo. E di rispettare gli impegni già sottoscritti tre anni fa dalle medesime autorità (sindaco, arcivescovo e ministro provinciale) e riportati nella delibera n. 18 del 19.04.2010 (…. i tre manifestano, ognuno per la parte che rappresenta, la volontà che le spoglie di San Pio da Pietrelcina resteranno, come da Suo desiderio, nella Città di San Giovanni Rotondo)”.

Infine il massimo consesso cittadino esorta l’ordine dei Frati Minori Cappuccini della Provincia religiosa “Sant’Angelo e Padre Pio” a collaborare al più presto con l’Amministrazione Comunale, affinché si proceda alla stesura di un protocollo d’intesa che stabilisca in maniera definitiva modi e termini per il trasferimento della reliquia del cuore di San Pio in altri luoghi, solo temporaneamente ed in occasione di particolari ed importanti eventi religiosi legati alla sua vita.

Comune di San Giovanni Rotondo