La mancata elezione di Mangiacotti crea adesso frizioni nel Pd

A San Giovanni Rotondo l'ex sindaco primo dei non eletti
6 Aprile 2010

La mancata elezione al Consiglio regionale di Salvatore Mangiacotti potrà avere ripercussioni sulla tenuta della giunta Giuliani in ambito locale? E’ una domanda che, all’indomani dello spoglio delle schede per il rinnovo dell’assise regionale, sta tenendo banco nel mondo politico locale. Nel Pd sono alle prese infatti con la forte   irritazione di Salvatore Mangiacotti, escluso dalla pattuglia piddina che andrà a rappresentare le istanze della Capitanata a Bari.

L’ex sindaco non ce l’ha fatta per un pelo. E’ il primo dei non eletti con 4.134 preferenze di cui 3.413 a San Giovanni Rotondo e 721 nel resto della di circoscrizione. Nell’entourage dell’ex sindaco si respira una forte irritazione perché si guarda alle performance del partito in altre occasioni, come quella   per esempio delle ultime provinciali quando il candidato locale del Pd Gaetano Cusenza beccò 5.100 voti, molti di più di quelli incassati da Mangiacotti (3.413 preferenze). Intanto il quadro completo dei candidati sangiovannesi è il seguente: Pio Francesco Mischitelli (PdL) – 3° dei non eletti, preferenze totali 5.463 di cui 2.341 a San Giovanni Rotondo e 3.122 nella circoscrizione; Giuseppe Longo (SEL) - 4° dei non eletti preferenze   totali 1.001 di cui 777 in città e 224 nella circoscrizione; Giuseppe Capodilupo (IDV) - 2° dei non eletti, preferenze totali 708 di cui 508 a San Giovanni e 200 nel circondario.

Ma la giornata dell’altro ieri è stata caratterizzata anche per una seduta lampo del Consiglio Comunale. L’organismo convocato d’urgenza, ha recepito la comunicazione dell’ex sindaco Antonio Squarcella in merito alla sentenza della Cassazione per il processo che lo riguarda. Poiché alcuni reati sono “caduti” e per gli altri c’è stato invece il rinvio ad altre sezioni della Corte d’Appello, nel frattempo, in attesa del giudizio definitivo Squarcella chiede di rientrare in Consiglio. Siccome vi è da garantire la completezza dei numeri dei componenti del consiglio comunale, secondo le indicazioni della Prefettura di Foggia, l’assise sangiovannese ha così accolto la comunicazione di Squarcella.

Fonte: Francesco Trotta
Gazzetta del Mezzogiorno del 02/04/2010