Comune, opposizione in rivolta ''Basta conflitti nella maggioranza''

Una situazione anomala che si ripercuote sulla comunità
13 Marzo 2010
Senza didascalia

Il ritorno alle sedute del consiglio comunale cittadino (lunedì scorso) non sembra aver mutato l’andazzo precedente, quello in vigore prima dello stop forzoso imposto dal presidente del consiglio comunale (per un mese circa niente consigli comunali a causa di una sala ritenuta inidonea), ossia solito tran-tran, molte parole e poco costrutto circa la soluzione dei reali problemi della città di san Pio.

Egrave; questa la convinzione per esempio di chi siede tra i banchi della opposizione (centrodestra e civiche). Una prova lampante, sempre secondo l’opposizione, è arrivata dal comportamento tenuto nell’ultimo consiglio dalla maggioranza (monocolore Pd) - che sorregge il sindaco Gennaro Giuliani - sull’accapo numero otto presente all’ordine del giorno (14 gli argomenti) ossia Progetto per la realizzazione di una Residenza sanitaria assistenziale. La maggioranza si è spaccata in tre tronconi: c’è chi ha proposto una modifica al deliberato tecnico urbanistico, chi invece il ritiro dell’accapo e chi invece il rinvio dello stesso.

Messa ai voti, è passata, grazie anche alla minoranza, la proposta del rinvio. Di fronte a tanto caos, a noi della opposizione non ci resta altro che gestire i loro conflitti rivela Vito Sollazzo, Pdl, opposizione. Pensate quattro ore e mezza ha aggiunto l’esponente del Popolo delle libertà a discutere sempre degli stessi accapi, che tra l’altro vengono sempre rinviati. Siamo stufi gli fa eco Mauro Cappucci, capogruppo Pdl in assise di discutere sempre dei medesimi argomenti. Passiamo il tempo a discutere di delibere vecchie, di modifiche o integrazioni o precisazioni di altri e precedenti deliberati. Tutto ciò dimostra una sola cosa affonda Cappucci che la maggioranza opera a tentoni e non ascolta nemmeno gli utili suggerimenti della opposizione, visto che stiamo avendo ragione su un sacco di punti.

Fonte: Francesco Trotta
Gazzetta del Mezzogiorno del 12/03/2010